“LE MIE PAROLE NELLA TUA TESTA MUOIONO DI SOLITUDINE”

Photo by meo on Pexels.com

Vi è mai capitato di parlare con qualcuno e notare che il vostro interlocutore sembra apparentemente ascoltarvi, muove addirittura anche il capo in segno di assenso e di interesse a tutto cio’ che energicamente estrapoliamo dal nostro cervello e lo trasformiamo in un uragano di parole, semplicemente per trasmettere un nostro stato d’animo, una nostra felicità, per descrivere un avvenimento importante, insomma per dire la nostra a qualcuno che ci sta di fronte, bene fin qui nulla di strano o apparentemente tale, tranne quando questo individuo appartiene a quella strana categoria di egocentrismo puro ai massimi livelli dove non si puo’ far altro che abbassare le mani e con gli occhi al cielo, pensare, anzi maledirci, del perchè abbiamo intrapreso simili conversazioni con questi esemplari, rimanere quasi sconcertati da quello che loro emettono e cominciare anche noi a farneticare mentalmente con pensieri astratti, ostrusi e utopici, dove in un universo parallelo , ad esempio, sicuramente noi al posto di quella conversazione inutile e a senso unico, il loro, staremo facendo addominali.

Cerco di far arrivare meglio il concetto urticante che nasce in me quando penso a cio’, immaginate di avere un problema, di qualunque natura esso sia, senza distinzioni, questi personaggi ascolteranno del vostro racconto ad occhio e croce le prime tre parole, perchè poi apriranno le danze alla loro esposizione riguardante naturalmente, una privata esperienza, che giustamente è sempre meglio della nostra, molto piu’ traumatica e grave, quindi noi, TEORICAMENTE, dovremmo essere piu’ sollevati perchè qualcuno, IPOTETICAMENTE ha subito o vissuto un idendica o quanto meno simile situazione. Noi sciocchi umani e senza spina dorsale ci lamentiamo quando al mondo esiste qualcuno che l’ha vista peggio, come chi sta davanti al nostro viso, senza poi pensare che se tu cerchi di riprendere a parlare o proferire parola sulla tua situazione aggiungendo un particolare, rilente quanto la punta di uno spillo, anche lui o lei lo ha vissuto, senza tregua, ma mille volte peggio.

Poverini, quanta pena, quanta compassione quando qualcuno è cosi sfortunato per averle vissute tutte, ma proprio tutte e nel peggiore dei modi poi, che brutte persone che siamo nel voler continuare a dire la nostra, o cercare di ricevere una parola di conforto per allegerire il nostro stato d’animo, quando noi dovremo cercare di essere piu’ empatici con loro per lenire queste cicatrici, tagli sul cuore…naturalemente sono infinitamente ironica in tutto cio’, per chi non l’avesse ancora capito.

Io mi domando, e gli interrogativi sono davvero tanti, ma i piu’ basilari ed elementari escono dalla mia bocca in maniera quasi fisiologica, adesso capisco che ognuno di noi ha un vissuto, vive le proprie esperienze, e vista la vita veloce che ad oggi viviamo, sicuramente le repliche simili di alcuni avvenimenti possono capitare a piu’ individui, ma che nello specifico, a quello di fronte a me, che ha le mie stesse situazioni o problemi o circostanze in tasca, esattamente cos’è???? il mio clone nel mio vissuto??? la pecora Dolly dei giorni miei???? no, perchè io di fronte a cio’ mi rifiuto…

Inoltre capita una cosa anche curiosa, quanto questa gente è nel circuito del loro ragionamento, non puoi interromperli, e se ci riesci le tue parole non hanno futuro, muoiono appena escono dalla tua bocca, sono fiato sprecato, perchè non arrivano alla loro materia griga, perchè in quel momento sono talmente tanto presi da loro stessi, che il sistema cognitivo ingloba solo il suo IO, tutto il resto è noia, per come la cantava Califano, perchè il difetto piu’ grande che li accomuna e li colora, facendoli distingure dagli altri, è che NON SANNO ASCOLTARE. Ma poi sul piu’ bello,quando finalmente realizzi che stai sprecando il tuo tempo e soprattutto non sai come uscirne, e inoltre sei talmente tanto annoiato/a di quella conversazione che le tue ginocchia magicamente cominciano a produrre latte come una mucca svizzera nel pieno della sua giovane produzione, se tu esci fuori binario dagli argomenti sulla quale sono appollaiati nella zona comfort che piu’ gli si addice, improvvisamente tacciono e se esiste silenzio intorno a voi, potresti sentire il suono del vento che sfila felice e senza ostacoli dentro la loro testa, il nulla piu’ assoluto, allora in quello stesso istante realizzi della pochezza di tali persone e non perdi neppure piu’ il tuo tempo prezioso a interagire e ricevere qualcosa da loro, ma soprattutto ti guardi bene dal ripetere simili errori in futuro.

Concludo questo siparietto che credo accomuni molti di noi, perchè nelle nostre svariate ed infinite conoscenze, esiste sicuramente un esemplare del genere, purtroppo ancora non in via di estinzione, anzi, questo tipo di persone vorrei addirittura aiutarle a migliorarsi, vorrei soprattutto aiutarli ad avere quello che gli è mancato da piccoli…le botte per esempio.

p.s. naturalmente sempre peace e love, no alla violenza.

Photo by Designecologist on Pexels.com

Pubblicato da idee flambè

Rosso come il peperoncino Calabro.....caldo come il sole del mediterraneo....trasparente come le acque cristalline dello Ionio....."SEI DEL SUD?"......."NOOOOOO IO SONO CALABRESE"

20 pensieri riguardo ““LE MIE PAROLE NELLA TUA TESTA MUOIONO DI SOLITUDINE”

  1. È molto difficile imparare ad ascoltare, è una tentazione comune sfruttare l’occasione di qualcuno che vuole essere ascoltato per sentirci utili e quindi rispondere subito, fornire la nostra soluzione, non tanto perché siamo un certo tipo di persona, ma perché questa società ci educa ad esibirci e, se fornire risposte dà appagamento, ascoltare con pazienza accettando di non avere la soluzione già pronta e confezionata ci mette in imbarazzo e in definitiva procura ansia. A seconda dei caratteri naturalmente questo può farsi più o meno evidente, ma credo che tutti possiamo accorgerci di avere questa tendenza dentro di noi, e tutti dovremmo imparare a contrastarla. Quando qualcuno ti chiede aiuto il centro non sei tu, non devi “essere all’altezza” di chissà che come se fosse iniziato un esame.

    Piace a 2 people

    1. Le tue parole hanno dentro se delle profonde verità, la tendenza è un po comune a tutti di esternare le proprie esperienze all’interno di una conversazione, ma per alcuni è un trampolino di lancio per la sfilata della prima donna😅😅ed è proprio da quel momento che comincia la sordità mentale del nostro interlocutore che ritengo, in linea di massima, in percentuali molto alte, questo nasca dal poco interesse ed interessamento di chi parla o del momento dell’altro, quindi più che ansia ritengo che in molta gente predomini l’egoismo e l’indifferenza di un momento altrui…😊😊😊grazie mille per avermi letto

      Piace a 2 people

  2. ho letto il tuo articolo tutto di un fiato, mi piace molto l’immagine del suono del vento che sfila felice, e anche il titolo, queste parole che nella sua testa muoiono di solitudine….quante volte ci si trova di fronte persone così, e purtroppo anche tra i piu’ vicini parenti o amici…

    Piace a 1 persona

    1. sono molto felice che il mio articolo sia stato di tuo gradimento, la mia ironia nell’esposizione dell’argomento,porta con se una bella fetta di verità che molti di noi vivono nel quotidiano e come hai appunto scritto tu, tra parenti e amici…il che rende tutto ancora piu’ triste. Purtroppo ascoltare è diventato un lusso, come voler bene sinceramente qualcuno… Scusami se ti ho risposto solo adesso, ma grazie ancora per avermi letto.

      Piace a 2 people

  3. Ascoltare senza parlare, per queste persone non può esistere e, in un modo o nell’altro, tu dovrai subire il loro egocentrismo, la loro mitomania perché si riproporranno senza pietà nell’esercizio di, tramite le loro storie gonfiate o totalmente inventate, insegnarti a vivere come si fa coi seguaci di un credo o di un messia. Ascoltare qualcuno? Loro non l’hanno mai fatto.

    Piace a 1 persona

    1. Effettivamente il concetto è questo l’incapacità di molti di ascoltare le esigenze altrui, che forse hanno solo bisogno di sfogarsi o semplicemente ricevere un consiglio, ma se noni ascolti difficilmente potrai farlo…grazie mille per avermi letto e per il tuo contributo attraverso il tuo messaggio. 😊😊😊😊

      Piace a 1 persona

      1. Grazie a te di aver proposto questo argomento. Io ho scritto un post un pochino meno filosofico del tuo. Queste persone le ho soprannominate Tuttologi e le sopporto veramente poco facendole scomparire dalla mia vita molto in fretta.😉

        "Mi piace"

  4. Ho letto attentamente e fatto mente locale perché se di primo acchito avrei potuto mettermi anche io tra coloro che subiscono questa cosa dell’interlocutore che non ascolta poi mi sono chiesto: ehi, e però potrei essere io quello! Perché molte volte, parlando con altri mi rendo conto di essere anche io uno di quelli che racconta nel caso le proprie disgrazie. Però, a mia discolpa vostro onore devo anche dire che ad ascoltare ascolto davvero se mi interessa e se poi condivido qualcosa non è mai per primeggiare ma solo per condividere e dire un dai, ti capisco, è successo anche a me, che ci possiamo fare? Andiamo avanti e ridiamoci sopra!

    Piace a 1 persona

    1. Aaaaaaaaaaaaa abbiamo finalmente chi si è confessato di questa particolarità 🤣🤣🤣🤣🤣🤣scherzo naturalmente, capisco sicuramente che molti di voi non lo fate per primeggiare, ma cm hai detti tu, la vostra testimonianza è una pacca sulle spalle della serie NON SEI DA SOLO😅😅😅è meno male aggiungerei 😂😂😂cmq tu hai vinto per la tua sincerità eeeeeeeee the winner issssss……..grazie per avermi letto e per il contributo che hai dato attraverso il tuo messaggio.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Petali Azzurri!

*I Petali delle Rose...quando cadono...diventano Angeli Silenziosi.*

SaggiaMente

Guide, Notizie e Recensioni per Apple/Mac e Fotografia

Pmiceli

nuove storie di cibo e di vita

Wisemanseyes

Il mondo che ci circonda è un posto magnifico, bisogna solo guardarlo con la giusta prospettiva

danielaalibrandi

Sito ufficiale della scrittrice Daniela Alibrandi

inni in vani

raccolti profili gesti lati lineamenti corsivi cappelli

Guido Benedetti

"Ingegnere per vocazione, fotografo per passione"

Seremailragno.com™

Il blog di Michele Paoletti

Ryadel

Web Development, Networking, Security, SEO

conlatestainaria

dentro la mia testa e i suoi mille lacerti

ALLternative.it

The alternative is here!!!

Lampi

Piccole opere d’arte, poesie di pochi versi, brevi pezzi musicali e tutto ciò che è intimo e delicato