Una vita a colori…il bianco e il nero è uno di loro!

Ammetto che amo le foto i cui unici colori che predominano sono il bianco e il nero, se qualcuno non se ne fosse accorto, qualunque immagine nel mio blog, o che accompagna qualche articolo, ha sempre una figura, un illustrazione, una riproduzione su quello stile, ma non perché io sia una donna cupa e nera d’animo, ma semplicemente li ritengo, senza fare troppi giri di parole, davvero fighe.

Se ci concentriamo meglio a guardare quanti dettagli in una foto del genere si riescono a scorgere è quasi disarmante, ci si accorge di particolari che in altri scatti forse non avremmo mai visto, perché confusi, distratti, ammaliati dai colori, ognuno di noi ne ha uno preferito, e se in quella foto è li presente che saltella per farsi notare tutto il resto passa in secondo piano, o lo si osserva poco. Invece in una foto i cui colori sono stati scarnificati, appare neutra, nitida, super partes ad ogni nostro gusto.

Adesso ci sarà chi impreca di fronte a questa mia affermazione, soprattutto i feticisti della fotografia, spalmando, come in una fetta biscottata con il burro, teorie sull’arte della foto, che tutto dipende dalle angolazioni, dalla luce, dal contorno, dal soggetto e non per forza dai colori, ok ……… ma vuoi mettere, la circostanza in cui immortali qualcosa senza colori e lo rendi senza tempo?

Una foto bianco e nero non ti fornisce grandi informazioni, ad esempio sul meteo, non riesci a capire esattamente in quale stagione ci si trova, mi spiego meglio, questi particolari puoi percepirli nella foto, ma senza il loro colore non raggiungi la sensazione tattile se quel sole sia un sole caldo e rovente dell’estate, timido della primavera , rigido dell’inverno, particolare che invece il colore ti fà indossare mentalmente senza che tu te ne accorga. Quindi una foto con il solo bianco o nero e le sue scale di grigio ti delinea è il momento e basta.

E’ come un artista che ha in mano una matita e un foglio bianco e da questi due oggetti ne fà venire fuori un capolavoro da incorniciare.

Inutile dire che, almeno a me capita spesso, di vedere in profili di persone che conoscono e non, o personaggi dello spettacolo, che nei loro infiniti book di foto esiste sempre qualcuna in bianco e nero, dove loro sono fighissimi, perfetto, dietro spesso ci sta un professionista autore dello scatto, e mi chiedo, ma come cacchio fanno? possibile mai che tra milioni di possibilità che spreco ogni volta che scatto una foto non viene mai fuori quella perfetta, immacolata in cui posso gridare a pieni polmoni con ossigenazione 100, SONO PROPRIO VENUTA BENE…SONO UNA GNOCCA DA PAURA??? GUARDA CHE SCATTO DA FOTOGRAFA CHE SONO RIUSCITA A FARE?, dico ciò perché al giorno d’oggi, senza l’ansia del rullino fotografico, che costava un rene, e tu naturalmente non lo sprecavi per fissare qualcosa di stupido, non interessante, non ti cimentavi a fare selfie a raffica, ci pensavi bene prima di schiacciare il bottone della macchina fotografica, mentre adesso che con l’era del digitale non abbiamo più questo problema, il nostro dito schiaccia sullo schermo del nostro smartphon o di uno strumento fotografico, come se non ci fosse un domani, un mitra militare tra un colpo e l’altro risulta più lento, il nostro fuoco il cui grilletto è il dito sul bottone è anni luce più celere.

Io tendenzialmente sono molto fotogenica, mi presto alle foto, appena qualcuno scatta io sono già in posa, mi piace lasciare di quel momento un ricordo indelebile oltre che nella mia mente in un cellulare o macchina fotografica che dir si voglia, mi ci metto pure d’impegno a farle, cerco di catturare il momento giusto, quello wow, e sembro spesso come la donna con il retino a farfalle, e tra mille foto….. questa no, questo ha gli occhi chiusi, uffa tu non guardavi l’obiettivo, cavolo perché ti sei girato sembravi di fronte ad una apparizione….. viene fuori quella vincente, quella che non credevi neppure avessi scattato, quella in cui tutti sono belli ma tu….NI……….non sei come vorresti, eri meglio nelle altre che ti hanno fatto cancellare maledizione, ma va bene la tieni storci il muso, dici a te stessa la prossima volta me li faccio da sola questi scatti.

E fin qui diciamo nulla di nuovo per nessuno, ma sarà capitato che da sole a casa con la vostra fotocamerina girata davanti al vostro bel viso truccato, porcellanato da mille filtri leviga pelle, che vi cimentate a fare selfie da paura, e a questo sostantivo lascio spazio alle vostre libere interpretazioni positive e negative, in base al risultato del selfie, ma bando alle ciance ferme con questo braccio allungato come il collo di una giraffa, con il viso che accenna quasi ad un sorriso semi sedere di gallina, occhio semi chiuso perché se troppo aperto sembriamo scappate dal manicomio sotto effetto di metadone, e proprio in quell’istante ecco il clic.

La si guarda la si scruta quella foto, ma niente non abbiamo catturato la nostra essenza, in poche parole non ci siamo impegnate a far vedere quanto davvero siamo bone, quindi nuovamente in posizione, cambiamo location, luce, filtro, spostiamo i capelli, ciuffo, forse arriviamo a tagliarli pure, manca solo di cambiare il soggetto, ma non possiamo farlo perché siamo noi e di nuovo clic clic clic….. cavolo oggi non è giornata, si comincia ad imprecare, tutta colpa dei miei capelli che con questo umido e il ciclo non stanno su come dico io.

Anche io l’ho fatto, anche io l’ho pensato, anche io ho applicato tutto quello che ho sopra descritto, non mi vergogno a dirlo, ma provate a non usare per una volta mille filtri, non levigatevi la pelle, siate voi stesse, e usate un solo filtro quello bianco e nero e vedrete il risultato che vi regalerà. La pelle già di per se sembrerà avere meno imperfezioni, i capelli anche se leggermente fuori posto saranno scuri quindi non si noterà il dettaglio, le labbra esploderanno sul viso anche senza rossetto, e gli occhi poi…..bucheranno la foto solcando le profondità dei pensieri di chi le guarda.

Saremo solo noi e non i sosia di noi stessi con filtri che ci modificano totalmente, e i colori sarai tu ad inventari nella tua mente, provaci sono curiosa di sapere qual è la tua esperienza.

Photo by Bianca Salgado on Pexels.com

Pubblicato da idee flambè

Rosso come il peperoncino Calabro.....caldo come il sole del mediterraneo....trasparente come le acque cristalline dello Ionio....."SEI DEL SUD?"......."NOOOOOO IO SONO CALABRESE"

28 pensieri riguardo “Una vita a colori…il bianco e il nero è uno di loro!

      1. Sono felice che ci siano persone che apprezzano ciò che ho espresso nell’articolo… la capacità di poter intravedere attraverso una foto muta, un significato che neppure le parole riuscirebbero ad esprimere. 😊

        Piace a 1 persona

  1. Ciao Alessia.
    Quest’articolo mi è piaciuto molto e da artista ti posso dire che anche io amo molto le immagini o le foto in bianco e nero perchè hanno quel sapore equell’allure un po’ vintage, appunto come dici tu nell’articolo, senza tempo.
    Ma ti dirò una cosa: a volte scattare fotografie in bainco e nero è un po’ riduttivo, nel senso che sono molto d’impatto, ma non ti permettono di cogliere tutte le sfumature che i colori, o meglio la luce, permette all’occhio di vedere; sono fugaci questi colori, perchè in base all’intensità della luce, si ottengono sfumature diverse.
    E sì, sono d’accordo con te sul fatto che ognuno di noi ha iil suo “colore del cuore” e che alcuni colori sono molto più predominanti di altri, ma la verità sul fatto che le foto in bainco e nero piacciono a tutti, o meglio mettono tutti d’accordo, è perchè sono colori “democratici” in quanto nel bianco risiedono tutti i colori che si uniscono insieme e nel nero non vi è nessun colore.

    Piace a 1 persona

    1. Sono davvero felice che mi hai letto e apprezzato ciò che ho scritto, il piacere della tua arte la fai percepire anche attraverso le tue parole è insita nel tuo dna, ancora più contenta di avere il confronto con qualcuno che ha un occhio professionale e artistico. Le foto ci accomunano tutti, chiunque nella loro vita hanno fatto una foto, bella o brutta che sia..l’esperienza di immortalare un momento diventa quasi magico, pieno di ricordi, pieno di noi,indipendentemente dal piacere di una foto a colori o neutra in bianco e nero. Grazie mille ancora per avermi fatto conoscere il tuo pensiero.😊😊😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

PortoVirando

Notizie e curiosità dal cuore del Delta del Po

UltraBeauty's blog

La bellezza e oltre

The Festival's Backpack - Festivals Lovers

[fè-sti-val, o festivàl] n.m. invar. def.: ogni posto dove puoi sognare

AE_MARMORA_BROTHERS

“..pensieri, parole, viaggi e stati d’animo.. tutto quello che i vostri occhi non possono vedere dei Marmora Brothers “

Beauty Art Boutique

Centro estetico e vendita di prodotti per la bellezza ed il benessere

Il MONDO DI MARIA

LIBRI-CIBO-COSMETICI-ACCESSORI-ABBIGLIAMENTO E TANT'ALTRO! .

INSIDE OUT: la psicologia delle emozioni

il blog di barbara quartiani

Terraferma

Punto di approdo

OVERTHINKING

L'imparanoiabile paranoia

BRICIOLE DI TUTTO...UN PO'.

Per stare insieme...e divertirsi...e imparare sempre cose nuove.

Petra Fantozzi

CRESCITA PERSONALE & FOTOGRAFIA EMOZIONALE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: